Home >> News >> Area Stampa

Area Stampa

Doppia imposizione: come funziona il nuovo reclamo

Italiano

Da "Quotidiano Ipsoa" - 19 Ottobre 2017

La direttiva UE n. 2017/1852, in materia di doppia imposizione, introduce uno strumento di risoluzione delle controversie volto a ridurre il contenzioso. Non mancano perplessità sul nuovo reclamo e sugli effetti che lo stesso produrrà sugli ordinamenti interni. Assicurerà un’effettiva tutela del diritto? Gli Stati interessati riusciranno a trovare un accordo sulla ripartizione della potestà impositiva? Ulteriori dubbi sorgono in relazione all’interazione tra la nuova disciplina ed il principio della certezza del diritto: il reclamo, infatti, rischia di essere utilizzato per aggirare la normativa nazionale e i termini di decadenza previsti per l’impugnazione di un provvedimento dell’Amministrazione finanziaria.

Wealth management: una sfida per nuove professionalità

Italiano

Da "Quotidiano Ipsoa" - 13 Ottobre 2017

Dal wealth management quali opportunità per i professionisti? Il wealth manager è una figura chiave, un soggetto cui il cliente è legato da un rapporto di fiducia, che si occupa dell’analisi legale e fiscale dell’intera situazione patrimoniale in funzione degli obiettivi del proprio cliente. La consulenza in ambito wealth è, dunque, una materia decisamente complessa, che necessita del supporto di professionisti con una competenza specializzata, in grado di fornire una visione strategica a tutto tondo e con un occhio sempre vigile rispetto ai cambiamenti che interessano il nostro ordinamento. Queste tematiche saranno approfondite nel corso del Master Pianificazione patrimoniale e wealth management, organizzato dalla Scuola di Formazione IPSOA di Wolters Kluwer.

L'individuazione del dies a quo per la costituzione in giudizio del ricorrente

Italiano

A cura di Avv. G. Marzo  e Dott.ssa I. Barbieri – Loconte & Partners

L'individuazione del dies a quo per la costituzione in giudizio del ricorrente

LA QUESTIONE

Definizione liti pendenti: quale trattamento per le sanzioni collegate al tributo?

Italiano

Da "Quotidiano Ipsoa" - 29 Settembre 2017

Tra gli ultimi chiarimenti in materia di definizione agevolata delle liti fiscali pendenti, forniti dall’Agenzia delle Entrate con la circolare n. 23/E del 2017, viene in evidenza il trattamento delle sanzioni irrogate, nella misura del 30 per cento, nelle controversie che hanno ad oggetto atti di recupero per indebita compensazione del credito IVA. Il documento di prassi, nel dettaglio, qualifica tali sanzioni come collegate al tributo ed individua la disciplina applicabile ai fini del corretto computo degli importi da versare per la sanatoria.

Milano punta all'Europa nuovi incentivi per attirare imprese e investimenti

Italiano

Da "Advisor Private" - 27 Settembre 2017

Cresce la competizione delle città europee per rimpiazzare Londra, nello scenario post Brexit, nel ruolo di capitale finanziarie dell'Unione Europea: tra queste, Milano cerca di guadagnarsi la pole position. Il tema è sempre più caldo ed è al centro del dibattito europeo. Certo è che la capitale anglosassone ha avuto per parecchi anni un appeal ineguagliabile - superando, talvolta, anche quello di New York - nell'attirare capitale umano, imprese e nuovi investimenti.

Definizione delle liti fiscali nelle imprese in crisi: chi deve presentare istanza?

Italiano

Da "Quotidiano Ipsoa" - 27 Settembre 2017

Si avvicina il termine per presentare la domanda di definizione agevolata delle liti fiscali pendenti. Con la circolare n. 23/E del 25 settembre 2017, l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti determinanti per le ipotesi in cui ad aderire alla sanatoria siano le imprese in stato di crisi. In particolare, viene individuato il soggetto legittimato a presentare l’apposita istanza in pendenza di una procedura concorsuale. Rimangono invece aperti i dubbi su quale sia la natura dei crediti che sorgono per effetto della definizione agevolata: si applica la disciplina dei crediti prededucibili?

Pagine

Eventi

23 Ottobre 2017 Regolamento privacy, come scegliere il responsabile della protezione dei dati L'Ordine degli Ingegneri della Provincia di Bari

Vai